25 settembre 2011

Riformiamo la scuola confrontandoci

Qualche settimana fa ho lanciato sul web una petizione con la quale chiedevo al ministro Gelmini di introdurre nella riforma scolastica la valutazione dei docenti e i consigli di classe aperti ad alunni e professori. La proposta la potete leggere qui.La petizione diffusa massiciamente su internet ha scatenato la  rete e così molti lettori mi hanno contattato via email scrivendomi talvolta idee e opinioni che aiutano a crescere e a far riflettere. Uno studente per esempio mi ha scritto che sarebbe giusto che i docenti non valutino gli alunni ma che ci siano dei test su base nazionale per valutare i ragazzi, in maniera tale che ogni persona riceva la stessa valutazione su scala nazionale. Una professoressa invece mi ha scritto che la valutazione ai professori è giusta e corretta come accade negli Stati Uniti ma i Consigli di Classe (successivamente c.d.c) devono rimanere segreti. E' stato molto ma molto interessante leggere perchè devono rimanere segreti. La docente ha affermato che ci sono c.d.c nei quali si discute la vita personale dello studente toccando temi quali la famiglia, le malattie, le relazioni e la vita affettiva. E' dunque logico pensare che quando vengono toccati temi di questo livello sia improponibile la discussione di fronte a genitori e alunno che ascolterebbero tutto ciò che  professori sostengono in c.d.c. Ho ritenuto dunque questa email un'opportunità per crescere e per far crescere anche il mio progetto scolastico, rendendolo dunque sempre più appetibile per i lettori e sempre più vicino alla realtà.
Se dunque desideri firmare solo la proposta della valutazione ai professori e non più il Consiglio di Classe aperto CLICCA QUI. Se invece vuoi mandarmi una tua idea puoi scegliere di commentare qui sotto oppure di mandarmi una email nell'area contattami del blog.

0 COMMENTI:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.