18 maggio 2011

Nel veronese la disabilità non interessa

E' un caso vergognoso quello accaduto ad un anziano disabile bardolinese costretto a vivere su una carozzina a causa di un ictus. Per andare dal letto alla carrozzina e viceversa il signore ha bisogno di un sollevatore elettrico che una volta imbragato viene sollevato e fatto sedere o sdraiato. Il sollevatore si è rotto mentre il disabile si trovava seduto sulla carrozzina così  ad un parente, dopo diverse chiamate all'Ulss 22 di Bussolengo (provincia di Verona), gli è stato risposto che l'ufficio di competenza (l'ufficio protesi) è aperto solamente il martedì e il giovedì dalle ore 14 alle ore 15 per fare richiesta di sostituzione del sollevatore. E' possibile che un disabile rimanga seduto sulla carrozzina senza possibilità di essere trasportato a letto per dormire? Secondo il presidente dell'Ulss 22 sembra proprio di sì. Questa è una vergogna.

0 COMMENTI:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.